Passa ai contenuti principali

"I poeti morti non scrivono gialli" Bjorn Larsson





"Quella mattina, mentre beveva il suo caffè nella tuga guardando il porto industriale di Helsingborg, dov'era riuscito a trovare un ormeggio a buon mercato nel bacino sud, non poteva far a meno di ripensare alla sua vita e di cercare di fare il punto. Molto probabilmente non sarebbe più stata la stessa.."

"Una specie di giallo" recita il sottotilo di questo libro.
Io non son un'amante del genere ma una citazione trovata su un blog [lisacorva.com] mi ha incuriosita, così mi son tuffata nell'indagini del commissario-poeta Martin Barck.

"Più di vent’anni prima aveva scritto una poesia sul passaggio dal buio alla luce e sull’impossibilità di catturare l’istante esatto in cui finalmente si comincia a vedere qualcosa. Era stato un totale fallimento. Da allora, tranne rare eccezioni, si era sempre alzato mezz’ora prima del sorgere del sole per cercare di catturare la cosa più fuggevole del mondo… Collezionava albe, la cosa più inafferrabile"




Molto curiosa è la scelta di attribuire al poeta J. Y. Nilsson poesie in realtà apartenenti a Y. Le Men.


L'autore avrebbe potuto buttar giù qualhe riga di suo pugno, invece ha deciso di dare a Nillson una voce ben precisa. Una voce reale.

"Reagalami libri 
che finiscano bene


in mancanza di romanzi
anche poesie

in mancanza di poesie 
magari anche una strofa

in mancanza di una strofa
anche un unico verso."





Poco spazio trova il cibo in questo giallo. Appare però, in apertura, il più semplice e quotidiano piatto della nostra tradizione italica!

"Per anni aveva vissuto di pasta al pomodro, a parte i rari giorni in cui percorreva a piedi i dieci chilometri che lo separavano dalla casa d'infanzia, per andare a trovare la madre, quando il padre non c'era. In quelle occasioni veniva imbandita una tavola luculliana in suo onore.."

La Pasta al Pomodoro! Non esistono due paste al pomodoro con lo stesso sapore. Gli ingredienti base del sugo son uguali ma il risultato è sempre diverso a seconda di chi lo cucina! :)
Io vengo sempre rimproverata da mio papà perchè preparo un sugo troppo denso, lui invece lo lascia leggermente più liquido. Mia mamma aggiunge sempre dell'origano, io invece preferisco le classiche foglie di basilico. Mia nonna Maria fa un sugo con un sapore che non ho mai trovato in nessun'altra cucina. La nonna Virginia invece aggiunge sempre qualhe ingrediente, non riesce proprio a fare un sugo liscio e semplice!


Olio. Cipolla. Aglio. Pomodoro. Basilico.



Commenti