Passa ai contenuti principali

Post

"Ogni piccolo pezzo" di Stefano Simeone

Ogni piccolo pezzo ha una trama molto bella e una grafica strepitosa. Appena l'ho aperto sono rimasta incantata dai tratti e dai colori. Ho amato ogni singola tavola, in particolare quelle dai colori caldi e pastello. Ci sono anche dei piccoli inserti che sembrano dipinti ad acquerello su carta da disegno ruvida. Meraviglia. Ovviamente c'è anche un lato della medaglia del quale non vorrei parlare ma che mi tocca affrontare. A me questa storia non ha trasmesso nulla. Zero. Calma piatta. Non ho pianto, ho sorriso qua e là ma non ho provato niente di particolare. Una bella storia, bellissimi disegni al punto che presi singolarmente, estrapolati dal loro significato, riescono a trasmettermi più di quel che il passaggio di trama mi sta offrendo, ma nessuna emozione forte. Quello che mi piace delle graphic novel è che solitamente mi stravolgono dal profondo.. sarà il connubio immagine/parola, non lo so, ma difficilmente mi lasciano così indifferente dal punto di vista emotivo. E a …
Post recenti

"Guida tascabile per maniaci dei libri" di The Book Fools Bunch

Per questo noi di The Book Fools Bunch abbiamo deciso di iniziare la nostra battaglia.  Una piccola battaglia, ovviamente. Ma anche una battaglia in cui crediamo. Perché siamo convinti che un libro, ogni libro vero e degno di questo nobilissimo nome, sia in effetti un mondo, un cielo, una grotta, un universo, una possibilità, una libertà, un dono, un volo senza rete e senza fine. Siamo convinti che senza i libri gli esseri umani non sarebbero umani, che senza i libri il nostro pianeta sarebbe probabilmente già scomparso, che senza i libri il pensiero si sarebbe fermato a una insignificante e inutile percentuale delle sue possibilità. 



Esistono milioni di libri sui libri, esistono liste, libri da leggere prima di.. se... perchè... Esistono eccezioni che non si perdono nel marasma. Ho preso questo libro in biblioteca, l'ho spulciato, letto, girato e rigirato. Avevo voglia di sottolineare, prendere appunti, inserire segnalibri. Ho capito che questa guida tascabile per lettori è estrem…

"Una vita da libraio" di Shaun Bythell

George Orwell non aveva nessuna voglia di fare il libraio,  e devo dire che lo capisco benissimo. Lo stereotipo del libraio insofferente, intollerante e misantropo (come il personggio interpretato da Dylan Moran nella serei televisiva Black books) trova spesso conferma nella realtà. Ci sono le immancabili eccezioni, ovvio, e molti colleghi di mia conoscenza non sono affatto così: io sì, purtroppo. Ma un tempo ero diverso, e prima di comprare la libreria ricordo di esser stato un tipo abbastanza disponibile e amichevole. Se oggi sono quel che sono, è colpa del quotidiano bombardamento di domande idiote, dell'incertezza finanziaria, delle eterne discussioni con il personale, dell'infinito, sfiancante mercanteggiare dei clienti.  Eppure, se qualcuno mi chiedesse cosa vorrei cambiare,  la risposta sarebbe: niente.



Questo libro ha attirato la mia attenzione già dai primi annunci. Ho avuto un assaggio di Wigtown grazie ad un post apparso nel lontano 2014 sul blog di Zelda was a writer. …

Ultime letture tre/18

Frida e Diego
Ogni piccolo pezzo
La generazione
Maria Antonietta e lo scandalo della collana
Guida tascabile per maniaci dei libri

Una vita da libraio







Buona lettura 📚




"Maria Antonietta e lo scandalo della collana" di Benedetta Craveri

Questo minuscolo Adelphi racchiude un episodio della storia di Francia quasi sconosciuto e di grande fascino. L'affaire du collier coinvolse direttamente i sovrani, Maria Antonietta in particolare, il Cardinale di Rohan e la sedicente Contessa de la Motte. La truffa, genialmente concepita da una nobile decaduta allo scopo di riabilitarsi e reinserirsi nel bel mondo di Versailles a scapito di un uomo ingenuo e desideroso di trovare un posto nel cuore dell'unica donna mai conquistata. Sullo sfondo una carrellata di fatti, nomi e luoghi che rimanderanno a episodi più o meno conosciuti della storia francese. Breve ma piacevole.

Non vedo l'ora di leggere Amanti e Regine della stessa autrice 👑










Aprile 🐣🌷 I preferiti I

“Always it’s Spring and everyone’s in love and flowers pick themselves.” E.E. Cummings



Aprile è iniziato con la Pasqua ed un pranzo in famiglia. Il tavolo inondato di sole, tutti si sono presentati con il loro pacchetto di cibo preparato per l'occasione, abbracci, risate, chiacchiere e la casa che svuotata quando ormai è ora di cena. Non potevo chiedere di meglio. O si? Una pasquetta sui monti magari!? :)





La primavera è scoppiata di colpo e poi si è di nuovo addormentata, per poi risvegliarsi ancora più bella. Abbiamo comprato i fiori e delle piante di frangola per i balconi. La vite che sembrava secca si è risvegliata con una cascata di foglie verdissime. Le ere aromatiche han ripreso colore e vita. Mi piace tantissimo prendermi cura del balcone e delle piantine che han resistito all'inverno 🌱💪









A metà mese io e un'amica siamo partite per quattro giorni a Riccione in totale relax. Sole, mare, tanto sonno e tantissimo cibo! Tra camminate, chiacchiere e bagni di sole ci sia…

Unboxing! ABOUT TO LEAVE di Frannerd

Unboxing! ✨
ABOUT TO LEAVE di Fran Meneses - Frannerd
Come sono arrivata a questa graphic novel? Ho scoperto Fran tramite YT. Da lì sono passata al suo blog personale e ad instagram. Guardo sempre i suoi video perchè mi trasmettono serenità, mi spronano a fare anche quando i periodi non sono dei migliori e poi i disegni e l'ironia con cui mette insieme le sue vignette sono incredibili. Amo i video in cui disegna all'aperto, nei bar e nei musei, quando regala spaccati di vita o di luoghi. Ho deciso di acquistare la sua graphicnovel perchè ammiro la perseveranza e l'amore che mette nel suo lavoro. E' una fonte di ispirazione e non vedo l'ora di leggere il libro e parlarvene!!!





Conoscete già Fran?
La seguite?
Vi incuriosisce lo spacchettamento di oggi?


A presto con le mie impressioni! :)




"Il Faro" di Paco Roca

Scegliamo il più distratto degli uomini immerso nelle sue più profonde fantasie, poniamolo in piedi e ci porterà, infallibilmente, verso l'acqua, se c'è acqua in quella regione.
Herman Melville Moby Dick












Il Faro è un racconto molto breve ma di grande impatto.  Ti entra dentro e sedimenta pian piano. La storia è semplice ma piena di piccoli dettagli che ne fanno un capolavoro in miniatura. Francisco è in fuga da uno scontro a fuoco, cade, sviene, non ricorda nulla. Si risveglia in un letto, come sottofondo il rumore delle onde. Una colazione ad attenderlo e una distesa azzurra fuori dalla finestra. L'incontro con Telmo, il guardiano del faro, l'uomo che l'ha salvato dall'incubo e lo riporterà pian piano alla vita, permettendogli di ricordare il passato e ricominciare a sognare un futuro.
 Impossibile rimanere indifferenti a tanta struggente bellezza.
Splendido.




Mi ha ricordato un po' Le strade di sabbia dello stesso autore.





"Lettere appassionate" di Frida Kahlo

Le lettere di Frida regalano una panoramica su un mondo interiore inaspettato e pieno di contraddizioni, sbalzi di umore e travolgenti passioni. Quello che si legge nelle biografie assume un significato diverso, dopo aver letto parole e pensieri usciti direttamente dalla sua penna. Il tono di Frida è sempre lo stesso, maledice la propria pigrizia nel rispondere agli amici lontani, parla dei propri malanni in tono ironico e un po' burbero, manda baci, abbracci e saluti a tutti i conoscenti comuni, spettegola e come un piccolo dittatore bloccato a letto invia ordini mascherati da richieste scherzosamente perentorie. Nelle lettere non manca mai l'amore, il sentimento che la lega indissolubilmente a Diego ma che la trascina anche tra le braccia di altri uomini affascinanti e affascinati dalla sua complessità. La politica, l'impegno civile e la difesa dell'arte sono baluardi che Frida porta avanti dalle prime lettere fino alle ultime con la stessa intensità.  Purtroppo la ra…

Marzo 🌈⛅ I preferiti I

Il primo giorno di Marzo ha nevicato. Una neve prima leggera e poi via via sempre più intensa.  Una magia. Una meraviglia. Pura gioia. Io amo la neve, soprattutto quando non crea disagi ma è solo bella da vedere e anche se i malefici Trenord mi han soppresso tutti i treni "in via preventiva".. io l'ho amata lo stesso. 




Il sabato nevoso siamo andati all'Ikea (mai mix fu più perfetto!) e abbiamo preso cornici, cose per la cucina (seguendo scrupolosamente la mia lista! Niente sgarri!) e due vasetti di meravigliosi bulbi 🌱 La voglia di primavera, ordine e rinnovo ha preso il sopravvento su di me e ora, quando guardo i miei armadietti così ordinati, sono estasiata dal risultato e anche dai magnifici narcisi, ovviamente! 


E poi è arrivato il sole! E la pioggia! E di nuovo il sole e così via in un susseguirsi di giornate calde e piacevoli e giorni di pioggia battente, ombrelli e piedi bagnati. Amo i cambi da stagione, da sempre. Mi mettono energia e voglia di fare. Mi dan…